Il trauma precoce influenza il metabolismo per generazioni

Le esperienze negative in tenera età hanno conseguenze psicologiche e fisiche durature per le persone colpite e spesso incidono anche sulla vita dei loro figli e nipoti. In alcuni casi, ciò è dovuto ad una particolare forma di eredità chiamata epigenetica. I genitori non trasmettono informazioni alla loro prole attraverso la sequenza di DNA, ma attraverso fattori biologici che regolano il DNA con gli spermatozoi e gli ovuli. Tuttavia, la grande domanda è come i segnali innescati da un trauma si conficcano nelle cellule germinali.

«Presumiamo che i componenti del sangue svolgano un ruolo», dice la professoressa di neuroepigenetica Isabelle Mansuy dell’Istituto di ricerca sul cervello dell’Università di Zurigo e dell’Istituto di neuroscienza dell’ETH di Zurigo. Insieme al suo team, ha dimostrato che il trauma infantile influisce sulla composizione del sangue per tutta la vita e che questi cambiamenti sono trasmessi anche alla prole. «Questo risultato è di grande importanza per la medicina perché è il primo a collegare il trauma precoce con le malattie metaboliche nella prole».

Lo stress cambia il metabolismo per generazioni

Per il suo studio, Mansuy ha utilizzato un modello di topo. Per determinare se queste prime esperienze avevano un effetto sulla composizione del sangue, i ricercatori hanno effettuato un’analisi approfondita e hanno riscontrato numerose differenze significative tra il sangue di animali traumatizzati e un gruppo di controllo dalla crescita normale.

I cambiamenti nel metabolismo dei grassi sono stati particolarmente marcati; ad esempio, alcuni acidi grassi polinsaturi erano presenti a concentrazioni più elevate. Hanno osservato gli stessi cambiamenti nella discendenza dei maschi colpiti. Se il sangue di animali traumatizzati veniva iniettato in maschi non traumatizzati, la loro progenie sviluppava i sintomi del trauma, una prova impressionante che il sangue trasmette messaggi di stress alle cellule germinali.

Comparazione con bambini traumatizzati

Successivamente, i ricercatori hanno esaminato se vi fossero effetti simili sull’uomo: per fare questo, in un villaggio infantile in Pakistan hanno analizzato il sangue e la saliva di 25 bambini il cui padre era morto e cresciuti separati dalla madre. Rispetto ai bambini di famiglie intatte, diversi fattori del metabolismo dei grassi erano aumentati negli orfani.

«Le esperienze traumatiche di questi bambini si possono confrontare molto bene con il nostro modello di topo e il loro metabolismo mostra cambiamenti sanguigni simili», dice Mansuy. «Ciò dimostra quanto sia importante la ricerca sugli animali da laboratorio per acquisire conoscenze fondamentali sulla salute umana». Fino a un quarto dei bambini in tutto il mondo subiscono violenze, abusi e negligenze, che possono provocare malattie nella vecchiaia.

Il recettore interviene nella linea germinale

In esperimenti successivi, il team ha scoperto un meccanismo molecolare attraverso il quale i fattori coinvolti nel metabolismo dei lipidi trasmettono i segnali alle cellule germinali. Il cosiddetto recettore PPAR sulla superficie cellulare svolge un ruolo chiave: è attivato da acidi grassi e regola l’espressione genica e la struttura del DNA in molti tessuti. Si è scoperto che questo recettore è regolato positivamente nello sperma dei topi traumatizzati.

L’attivazione artificiale del recettore ha portato anche a pesi corporei più bassi e disturbi del metabolismo dello zucchero nei topi maschi e nella loro prole. Sulla base di questi e di altri esperimenti, i ricercatori concludono che l’attivazione del recettore PPAR negli spermatozoi causata dagli acidi grassi ha un ruolo importante nell’eredità degli effetti metabolici provocati dal trauma.

Il trauma danneggia la salute della prole

«I nostri risultati mostrano che il trauma precoce colpisce non solo la salute psicologica, ma anche la salute fisica nell’età adulta attraverso le generazioni, ad esempio il metabolismo dei grassi e l’equilibrio dello zucchero», dice Mansuy. «Questo aspetto viene raramente preso in considerazione in clinica». Pertanto, una migliore conoscenza dei processi biologici dietro di esso potrebbe aiutare in futuro a prevenire le conseguenze successive del trauma attraverso cure mediche preventive.

Liberamente tradotto e adattato.

Fonte: Gretchen van Steenwyk, Katharina Gapp, Ali Jawaid, Pierre-Luc Germain, Francesca Manuella, Deepak K. Tanwar, Nicola Zamboni, Niharika Gaur, Anastasiia Efimova, Kristina M. Thumfart, Eric A. Miska, Isabelle M. Mansuy. Implicación de factores circulantes en la transmisión de experiencias paternas a través de la línea germinal. El diario EMBO. 9 de octubre de 2020.

Tratto da https://sensorimotoritalia.it/2021/11/29/il-trauma-precoce-influenza-il-metabolismo-per-generazioni/

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on print

Lascia un commento

Chi è Jacopo Albarello?

Sono Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo Clinico e terapeuta, Sensorimotor ed EMDR di II° livello, svolgo attività di consulenza psicologica con minori, adulti e coppie.

Scopri di più

Post recenti