Formazione

La psicologia della formazione rappresenta un ambito di studio e intervento professionale che si focalizza sui processi di apprendimento attivati sia nel sistema formale di istruzione sia nei differenti contesti di vita delle persone. 

La psicologia della formazione definisce i propri confini di azione prendendo come riferimento l’esperienza lavorativa e scolastica di giovani e adulti e i contesti organizzativi del mondo della produzione e dei servizi.

Tra le attività dello psicologo della formazione si possono citare le seguenti:

  • Assessment dei bisogni formativi e delle competenze individuali: mediante l’uso di strumenti psicologici di natura qualitativa e quantitativa e la definizione di Piani di Sviluppo Personale;
  • Selezione, adattamento, somministrazione e interpretazione di strumenti di indagine psicologica: test, questionari su abilità cognitive, interessi, motivazioni, personalità, atteggiamenti, ecc…;
  • Analisi del fabbisogno formativo a livello di gruppo o di parte dell’organizzazione: mediante tecniche di analisi scolastica/lavorativa, analisi organizzativa;
  • Consulenza alla progettazione e realizzazione di azioni e programmi di formazione: calibrati su caratteristiche psicosociali delle persone e focalizzati sia su contenuti professionali sia su tematiche relazionali e comunicative sia su sicurezza e benessere;
  • Svolgimento di funzioni di tutorato e accompagnamento dei processi di apprendimento nonché di attività di docenza; 
  • Ecc….

Contesti lavorativi e di intervento: 

  • Nel mercato occupazionale in differenti contesti operativi connessi con:
    gli Enti di formazione professionale pubblici e privati;
    le Istituzioni Scolastiche;
    le Agenzie del Lavoro;
    i Servizi per l’impiego;
    gli Uffici risorse umane e formazione di Enti pubblici (ad esempio, ASL, Comuni, Regioni, ecc…).
  • Operando come libero professionista singolo o nell’ambito di società di consulenza pluridisciplinare offrendo servizi professionali nel settore della formazione di base e permanente, aggiornamento e gestione delle risorse umane di organizzazioni private e pubbliche.
  • Può operare, inoltre, come ricercatore in centri studi e ricerche pubblici e privati e presso l’università.
Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin