Body Scan

Body scan e meditazione di Frewen e Lanius, La cura del sé traumatizzato, Fioriti, 2017

  1. A seconda delle preferenza il body scan può venire svolto da seduti o in piedi. L’importante è di sentirsi al sicuro nel proprio corpo in ogni postura fisica.
  2. Il body scan può essere svolto a occhi chiusi o aperti, a seconda della preferenza personale. Importante sapere che si è liberi di aprire o chiudere gli occhi in ogni
    momento se si ha bisogno di regolare lo stress.
  3. Il body scan comincia in un punto del corpo cheabbiamo identificato come l’area del nostro corpo meno stressante, più sicura, più forte o con la quale ci sentiamo più a nostro agio. Se non siamo in grado di identificare una zona di questo tipo, possiamo chiederci se cominciare da un piede può essere accettabile.
  4. Di solito si conduce il body scan attraversando le varie zone del corpo e procedendo dal basso verso lʼalto. Se si inizia da zone vicine al centro del corpo come lʼaddome, il torace, è meglio fare prima la scansione della metà inferiore del corpo, poi quella superiore.
  5. Mentre seguiamo il body scan cerchiamo di procedere in modo lento. Importante rimanere sul punto del corpo su cui ci siamo attualmente focalizzati fin quanto abbiamo avuto il tempo necessario per sentire e per descrivere cosa sta attraendo la nostra consapevolezza in quel punto. Procedere lentamente crea la giusta aspettativa che si può essere capaci di provare sensazioni o di diventarne consapevoli a livello di tutto il proprio corpo fisico, anche se lʼesperienza è quella di sentire “nulla” o di “non essere in grado di sentire” determinate parti del corpo.
  6. Lo scopo del body scan è infatti aumentare la consapevolezza della coscienza incarnata e per questo si pone attenzione su cosa stiamo provando; durante il body scan viene messo da parte il perché noi stiamo provando ciò che succede.
  7. Idealmente, un body scan andrebbe portato a termine lavorando su tutto il corpo, ma la capacità di completare questo esercizio potrebbe variare a seconda dei livelli di concentrazione e di ansia da persona a persona. Di solito cerchiamo di non superare una durata 10-12 minuti.

Essendo composto da vari momenti in cui ci si occupa di varie parti di un singolo corpo, il body scan incoraggia i partecipanti a vivere il loro corpo nella sua interezza, per quanto possibile, e in questo modo facilita idealmente unʼesperienza di integrazione incarnata.

Ed ora tocca a voi! Buon esercizio!

Body scan audio

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on print

Lascia un commento

Chi è Jacopo Albarello?

Sono Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo Clinico e terapeuta, Sensorimotor ed EMDR di II° livello, svolgo attività di consulenza psicologica con minori, adulti e coppie.

Scopri di più

Post recenti